sabato 17 settembre 2016

Io prima di te, Jojo Moyes

Pubblicato da Jess 91 a 12:07:00
Ciao a tutti e buon sabato! Ieri sera (praticamente notte, era l'una!) ho finito di leggere Io prima di te di Jojo Moyes e stamattina sono qui per dirvi la mia... o almeno ci provo!

A ventisei anni, Louisa Clark sa tante cose. Sa esattamente quanti passi ci sono tra la fermata dell'autobus e casa sua. Sa che le piace fare la cameriera in un locale senza troppe pretese nella piccola località turistica dove è nata e da cui non si è mai mossa, e probabilmente, nel profondo del suo cuore, sa anche di non essere davvero innamorata di Patrick, il ragazzo con cui è fidanzata da quasi sette anni. Quello che invece ignora è che sta per perdere il lavoro e che, per la prima volta, tutte le sue certezze saranno messe in discussione. A trentacinque anni, Will Traynor sa che il terribile incidente di cui è rimasto vittima gli ha tolto la voglia di vivere. Sa che niente può più essere come prima, e sa esattamente come porre fine a questa sofferenza. Quello che invece ignora è che Lou sta per irrompere prepotentemente nella sua vita portando con sé un'esplosione di giovinezza, stravaganza e abiti variopinti. E nessuno dei due sa che sta per cambiare l'altro per sempre. "Io prima di te" è la storia di un incontro. L'incontro fra una ragazza che ha scelto di vivere in un mondo piccolo, sicuro, senza sorprese e senza rischi, e un uomo che ha conosciuto il successo, la ricchezza e la felicità, e all'improvviso li ha visti dissolversi, ritrovandosi inchiodato su una sedia a rotelle. Due persone profondamente diverse, che imparano a conoscersi senza però rinunciare a se stesse, insegnando l'una all'altra a mettersi in gioco.

Dunque, come qualcuno avrà avuto modo di leggere sul blog, la visione del film nel mio caso ha anticipato la lettura del libro. Generalmente mi capita poche volte, preferisco sempre prima leggere e poi vedere il film. Comunque sia, di sicuro lo rivedrò nuovamente (e a dicembre comprerò il dvd!). Allora... oddio, scrivere questa recensione si sta rivelando un'impresa difficilissima. Pensavo che avendo già visto il film (e quindi sapendo già come le cose sarebbero andate a finire, lo stesso dicesi per chi ha fatto il contrario, ovviamente) sarei stata preparata mentalmente a tutto e invece no, da un certo punto fino alla fine mi sono ritrovata sempre più in un bagno di lacrime, la vista annebbiata... ho faticato molto per arrivare alla fine del libro. Stupidamente, per un micro secondo, ho sperato veramente con tutta l'anima che il finale sarebbe stato un altro, diverso dal film (che scema, eh?). L'ho adorato, davvero, questo libro e posso dire con estrema sicurezza che l'adattamento è stato altrettanto stupendo: bravissimi sia Emilia che Sam, due interpretazioni fantastiche, che hanno reso giustizia alla storia di Lou e Will. Ma torniamo al libro... Louisa è un'energia pronta ad esplodere, ma che inizialmente non lo fa (forse non sa come, magari ha paura, anzi, sicuramente è così): si lascia vivere, alternando le proprie giornate tra il lavoro (che a brevissimo perderà), la sua relazione con Patrick (mio Dio, che noia quell'uomo!) e la sua famiglia. Will invece aveva già le sue potenzialità messe in tavola: la sua vita era fantastica, un lavoro che adorava, i suoi viaggi strampalati, fascino da vendere... e poi tutto, improvvisamente, si è spezzato, fermato... la sua vita, dapprima così dinamica, si è dovuta adattare a una sedia a rotelle, alle dipendenze dei genitori, degli assistenti, dei medici e, di colpo, anche di Louisa Clark. Lui all'inizio non la sopporta, soprattutto perché in realtà lei (che non lo sa) è lì per controllarlo, più che altro, a badare che non faccia altre "sciocchezze" (difatti ha il compito di non lasciarlo solo per più di quindici minuti). E a lui questo non va giù: "Possiamo fare un patto in base al quale lei sarà molto taciturna con me?" le dice. Però poi questo patto, piano piano, non avrà più senso: certo, inizialmente non sarà affatto facile, perché ci sono giorni in cui Will alza un muro invisibile così alto da non riuscire nemmeno a sbirciare oltre. Come dargli torto, in fondo. Ma Louisa ci proverà con tutte le forze, a volte - spesso - fallirà, ma tenterà in tutti i modi di far almeno sollevare un po' gli angoli della bocca di Will in un sorriso. Ci saranno uscite in giardino, corse dei cavalli, film da vedere insieme, libri da commentare... una serata di musica dal vivo (una delle scene più belle), con abiti eleganti e la voglia di dimenticarsi di tutti i problemi almeno per un istante. "Semplicemente... desidero essere un uomo che è stato a un concerto con una ragazza con un abito rosso. Solo per qualche istante ancora". 
 Questo libro è un vortice d'emozioni e non puoi non amare Louisa e Will e sperare in un lieto fine... quindi quando arrivi al punto che capisci che le cose, pur non volendo, andranno diversamente come fai a non scoppiare a piangere? Ecco, credo proprio che il romanzo della Moyes sia quello che mi ha fatta piangere di più, non riuscivo a fermarmi (e per fortuna che ero sola soletta nella mia stanza, non oso immaginare tale scena sul treno e/o in qualche luogo pubblico!). Mi sono piaciuti molto anche gli altri personaggi (Nathan e Treena in particolare), descritti scrupolosamente dall'autrice che, di tanto in tanto, ci regalava un pov diverso nel corso della lettura. 
Bene... io la finisco qui, altrimenti piango di nuovo. Ho intenzione di rivedere il film il prima possibile, in modo da fare un nuovo confronto "a caldo" post-lettura, ma non potrò che apprezzarlo ancora di più, sicuramente.  

Il mio voto: ovviamente 5/5 :')

P.S: vi lascio con quest'adorabile gif e la canzone degli Imagine Dragons (una di quelle che proprio non riesco a smettere di ascoltare!).


 

7 commenti:

Sofàsophia ha detto...

Io ho adorato questo libro. Ti sconsiglio vivamente di non leggere il seguito perchè non è assolutamente all'altezza di questo. Io tornassi indietro non lo comprerei nemmeno così da salvaguardare il ricordo di Io prima di te.
Concordo assolutamente sul turbinio di emozioni che regala, una lettura davvero intensa! :)

Jess 91 ha detto...

Ciao cara! :) Ah, veramente mi sconsigli "Dopo di te"? Ci stavo facendo un pensierino... Magari cerco di leggerlo senza troppe aspettative (?)

Sofàsophia ha detto...

Guarda se proprio vuoi leggerlo fingi che non c'entri nulla con Io prima di te. Fai come se stessi leggendo la storia di persone diverse casualmente omonime e soprattutto che l'autrice sia diversa. Insomma fingi di star leggendo un qualsiasi New Adult per il quale non nutri la benchè minima aspettativa, è l'unico modo per uscirne indenni! Ti sembrerò un po' catastrofica ma poi mi dirai quando lo avrai letto! :D

Jess 91 ha detto...

Oddio, speriamo bene ahahah, ho quasi "paura" adesso! XD

Sofàsophia ha detto...

Ahahah non volevo fare del terrorismo psicologico! XD
Poi magari lo leggi e a te sembrerà il libro più bello del mondo. Il mio era un parere un po' troppo appassionato a causa della forte delusione! Ora sono davvero curiosa di sapere se lo amerai o lo odierai! XD

Susy ha detto...

Ho amato questo libro e il film è veramente bello quindi si può dire che per quanto di solito mi piaccia più il libro del film, in questo caso sono stati belli entrambi

Jess 91 ha detto...

@Sofàsophia: ti farò sapere! ;)
@Susy: concordo <3

Posta un commento

 

La ragazza col Kindle Template by Ipietoon Blogger Template | Gift Idea